La deducibilità dei contributi

Ai fondi di previdenza complementare che, come il nostro Fondo Mario Negri, sono stati ammessi al regime transitorio di deroga previsto dall'art. 18, commi 8-bis e seguenti del D.Lgs.21.4.1993, n.124, si applica il più favorevole regime fiscale di completa deducibilità dei contributi.

Tale agevolazione, inizialmente limitata al periodo transitorio di deroga, è stata confermata anche per gli anni futuri dall'art.3, commi 119 e 120, della L.24.12.2003, n.350 (Finanziaria 2004) e dall'art.20, comma 7, del D.Lgs.5.12.2005, n.252 (Riforma della previdenza complementare).

Ai contributi versati al Fondo Mario Negri, quindi, non si applica il limite di deducibilità previsto per la generalità dei fondi pensione (corrispondente ad un importo massimo di 5.164,57 euro annui).

Teniamo a precisare che, quando si utilizza il termine "interamente deducibile" a proposito della contribuzione destinata al Fondo Mario Negri, si intende che tale contribuzione non concorre, nella sua interezza, alla formazione del reddito di lavoro dipendente, cioè, non è soggetta ad imposizione fiscale.

Conseguentemente il datore di lavoro, in qualità di sostituto d'imposta, diminuisce l'imponibile fiscale dell'importo corrispondente alla trattenuta a carico del dirigente e non lo incrementa —neppure in parte — con riferimento al contributo versato a carico dell'azienda.

Il datore di lavoro deve, inoltre, avere cura di compilare correttamente e debitamente il modello CU (certificazione unica).

Facendo riferimento al modello CU/2018 (pdf  visualizza modulo) i dati da inserire nella parte "dati fiscali", con riferimento ai contributi versati al Fondo Mario Negri, sono i seguenti:

  • al punto 411, "Previdenza complementare", indicare il codice 2;
  • al punto 412, "Contributi previdenza complementare dedotti dai redditi di cui ai punti 1, 3, 4 e 5", inserire la somma totale dei contributi versati dal dirigente e dall'azienda.
     

Nel caso l'azienda avesse erroneamente applicato il massimale di deducibilità previsto per la generalità dei fondi pensione, assoggettando, quindi, a tassazione la differenza tra il suddetto limite ed i contributi versati al Fondo, è necessario compilare il punto 413, "Contributi previdenza complementare non dedotti dei redditi di cui ai punti 1, 3, 4 e 5".

Se l'errore viene rilevato in tempo utile (cioè prima della consegna del modello CU, facendo esaminare i fogli paga mensili) lo si può segnalare al datore di lavoro che può effettuare le opportune correzioni in sede di conguaglio definitivo, entro il 28 febbraio dell'anno successivo a quello a cui la contribuzione si riferisce.

Se, invece, come spesso avviene, ci si accorge della svista decorsa tale data, si può recuperare la differenza a credito in sede di dichiarazione dei redditi tramite la presentazione del modello UNICO, oppure comunicare al Fondo Mario Negri, entro il 31 dicembre dell'anno successivo a quello a cui la contribuzione si riferisce, o, se antecedente, alla data in cui sorge il diritto alla prestazione, la quota di contributo eventualmente non dedotta, in modo che se ne possa tenere conto in sede di tassazione della prestazione pensionistica (art.8, comma 4, del D.Lgs.5.12.2005, n.252).

Per quanto riguarda, infine, i prosecutori volontari, se non si informa il Caf o il professionista abilitato della particolare natura della contribuzione versata al Fondo Mario Negri è molto probabile — anzi praticamente certo — che venga effettuata una deduzione parziale. Tuttavia, se il contribuente si accorge di non aver fornito tutti gli elementi da indicare nella dichiarazione può, sempre rivolgendosi ad un Caf o ad un professionista abilitato, presentare, entro la scadenza dei termini per la presentazione della dichiarazione Mod.UNICO, un Mod. "730 integrativo", ma solo se l'integrazione comporta un maggiore rimborso o un minor debito.

Anche per il prosecutore volontario è possibile optare per una delle due soluzioni alternative (modello UNICO o invio al Fondo Mario Negri della dichiarazione contributi non dedotti) precedentemente illustrate con riferimento alla contribuzione versata per il dirigente in servizio.


Nel menù Per i Dirigenti/Modulistica è disponibile il modulo per la dichiarazione dei contributi non dedotti.

 

 

 
I più letti
Utilità