La Prosecuzione volontaria

L'iscritto dimissionario o licenziato o che comunque perda la qualifica avendo maturato almeno un anno di anzianità contributiva ha facoltà di continuare volontariamente i versamenti. Tale facoltà deve essere esercitata entro un anno dalla data di risoluzione del rapporto di lavoro, inoltrando domanda al Fondo. L'autorizzazione viene concessa con decorrenza dal giorno successivo a quello di risoluzione del rapporto di lavoro o di termine del periodo coperto da contribuzione per indennità sostitutiva del preavviso. Tale facoltà può essere esercitata anche dal pensionato di invalidità che perda il diritto a pensione per revisione ai sensi dell'art.19 del Regolamento(Accertamento dell'invalidità) entro un anno dalla cessazione del trattamento pensionistico.

La misura dei versamenti volontari è pari all'importo della contribuzione ordinaria e integrativa fissata per i dirigenti in servizio dai contratti collettivi di cui all'art.1 del Regolamento (Scopo del Fondo), costituito dalle quote a carico dell'azienda e del dirigente. Ricorrendone le condizioni, può anche essere disposto il conferimento esplicito del Trattamento di Fine Rapporto.

Il ritardo del versamento comporta l'applicazione degli interessi di mora nella misura stabilita dall'art.8 del Regolamento (Interessi di mora).

L'omissione contributiva per un periodo superiore ad un anno da parte di un iscritto in prosecuzione volontaria comporta la perdita del diritto alla prosecuzione stessa.

In quest'ultimo caso, l'iscritto che non abbia nel frattempo riscattato la posizione individuale o ottenuto una delle prestazioni previste dal presente Regolamento può presentare, pena la decadenza, entro il termine di un anno, una nuova domanda di autorizzazione, a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento; l'autorizzazione viene concessa con decorrenza dal primo giorno del mese successivo alla data di presentazione della domanda stessa.

Non sono ammessi versamenti volontari per periodi successivi alla decorrenza del trattamento pensionistico.

Ai fini del diritto alle prestazioni la contribuzione volontaria é equiparata a quella obbligatoria.

Nel menù Per i Dirigenti/Modulistica è disponibile il modulo per la dichiarazione dei contributi non dedotti.

 
I più letti
Utilità